BASKET, DERBY AL PALACIVITZ: ARRIVA LA POLISPORTIVA MANDELLO – Civate News




BASKET, DERBY AL PALACIVITZ: ARRIVA LA POLISPORTIVA MANDELLO

CIVATE – Dopo due stop consecutivi la F.lli Maggi Civatese cerca il riscatto: al Palacivitz, in occasione della 9a giornata di ritorno del campionato di Serie D – girone B, arriva la Pol. Mandello Lario, formazione che non perde da 5 partite.

“Domenica abbiamo per noi una partita molto importante in chiave quarto posto – dichiara un fiducioso Marco Brusadelli – le ultime due sconfitte contro le prime della classe ci hanno insegnato che dobbiamo dare molto di più sotto il profilo dell’attenzione in campo e ci stiamo lavorando. Mandello è una squadra giovane e tosta, sta facendo molto bene e non per niente come noi ha totalizzato 5 vittorie su 7 nel girone di ritorno.”

La partita di andata vide i civatesi prendere il “foglio rosa” dopo una partita in cui hanno sempre condotto, con una prestazione super di Panzeri Fabio autore di 27 punti. Ma gli arancioblu di coach Bissola sono tutt’altra squadra ora, molto più unita e compatta.

“Dovremmo fare molta attenzione ai loro due play Motta e Melzi che nelle ultime gare viaggiano a oltre 13 di media a testa – continua Brusadelli – e al lungo Ndyae: loro possono spaccare la partita e noi dovremmo guardarli con molta attenzione. Visto il loro stato di forma credo di non dire un’assurdità se partono da favoriti, perché il gap tra le due squadre in questo momento è del tutto inesistente. Per noi è importante riprendere il cammino della vittoria in ottica quarto posto, perchè superato questo scoglio a 4 giornate dal termine saremmo molto vicini all’obbiettivo. Conto sulla voglia dei miei di rifarsi dopo due sconfitte davanti al nostro pubblico”.

Sulla stessa falsariga il play Arturo Fracassa, che analizza la partita: “Sarà sicuramente sentita, è un derby e Mandello arriva da 5 vittorie consecutive che danno fiducia: non è certo il momento migliore per affrontarli. Sono una squadra molto pericolosa ed imprevedibile. Noi arriviamo da 2 sconfitte che, dal mio punto di vista, hanno evidenziato la nostra poca capacità di cambiare modo di giocare in base all’avversario. Siamo una squadra che se riesce a giocare secondo le proprie caratteristiche è molto forte, quando invece incontra squadre che rompono le nostre certezze non siamo ancora abbastanza abili e pazienti nel giocare in modo diverso. Se vogliamo essere competitivi ai play-off dobbiamo sicuramente fare un passo in più in questo senso e quindi la partita di domenica è importante anche per questo motivo”.

Arrivate da due passi falsi. Credi che nella mente tua e dei tuoi compagni questo possa influire?
“Abbiamo perso contro due avversarie sicuramente più competitive di noi. Soprattutto Dalmine ha dimostrato di essere squadra tosta, coperta in tutti i ruoli e che sa giocare a basket. Queste sconfitte ci devono far capire che per vincere contro squadre di questo livello non basta il fisico, la corsa e l’esuberanza ma serve leggere i punti deboli degli avversari e colpire li, serve essere concentrati per 40 minuti… basta un minuto fatto male e sei morto! Ci stiamo allenando bene affrontando anche queste cose, sono fiducioso”.

Sei ancora deciso a smettere a fine anno o abbiamo speranze di vederti anche l’anno prossimo?
Sicuramente questo è l’ultimo anno. A meno che abbia la possibilità di firmare un contratto a gettone: presente da settembre a novembre e da marzo a fine campionato. A parte gli scherzi, purtroppo il mio fisico non mi permette più di allenarmi come vorrei, e dopo 30 anni di basket giocato credo sia meglio ascoltarlo. Giocherei a basket a vita, a maggior ragione nel Civitz, ma credo che sia arrivato proprio il momento di citare una famosa frase: “The king out”. Inoltre ho voglia di coltivare la passione musicale e di iniziare una carriera come coach”.

L’appuntamento è per domenica 12 marzo alle 18 al Palacivitz. Come sempre il pubblico grigiorosso dovrà sostenere la sua squadra ed essere il sesto uomo in campo.

Ultima nota: gli ex della partita saranno Panzeri Fabio, Panzeri Simone, Castagna Daniele e Bosso Pierpaolo, tutti su sponda civatese.

S.P.

 

Condividi sui Social!