CIVATE, IL DUO ALBERTI BRUNI PER RISCOPRIRE L’ARMONICA A BOCCA – Civate News



CIVATE, IL DUO ALBERTI BRUNI PER RISCOPRIRE L’ARMONICA A BOCCA

CIVATE – Un nuovo appuntamento con il festival Brianza Classica a Civate, sabato 29 maggio alle 20:30, per l’eclettico concerto eseguito dal duo composto da Edoardo Bruni, al pianoforte, e Santo Albertini, all’armonica a bocca. Uno strumento, quello dell’armonica a bocca, che oggi è sempre più difficile ascoltare in concerto, e che vanta origini molto antiche, risalenti a più di 3000 anni fa, in Oriente. In Occidente lo strumento appare solo agli inizi del XIX, quando inizia a essere conosciuto in tutto il mondo. In programma eleganti e celebri melodie classiche, e rinomati brani di Ennio Morricone che sono diventati importanti colonne sonore.

Ingresso ai concerti gratuito con prenotazione obbligatoria. Per prenotare telefonare o scrivere al numero 335.5461501 a partire dal lunedì prima del concerto. La richiesta, relativa a un massimo di due persone, dovrà necessariamente contenere: nome e cognome, indirizzo di domicilio, numero di telefono cellulare, indirizzo e-mail del singolo o di entrambe le persone. In caso di rinuncia si chiede cortesemente di dare tempestiva disdetta all’organizzazione. Si prega di presentarsi 30 minuti prima del concerto nei pressi del desk (evitando assembramenti) provvisti di propria mascherina.

Programma:
Anonimo – Giochi proibiti
M. De Falla – Nana
P. De Sarasate – Romanza andaluza
F. Schubert – Serenata
J. Brahms – Danza ungherese n. 6
E. Morricone – Tema d’amore (da “Nuovo cinema paradiso”)
Gabriel’s Oboe (da “Mission”)
Playing Love (da “La leggenda del pianista sull’oceano”)
Tema principale (da “C’era una volta in America”)
Tema principale (da “C’era una volta il West”)
A. Piazzolla – Ave Maria
J. Williams – Schindler’s List
A. Z. Idelsohn Hava nagila
D. Shostakovich – Valzer n. 2 dalla Suite Jazz n. 2

Santo Albertini
Nato a Trento nel 1938, ha intrapreso lo studio dell’armonica a bocca presso la Scuola del M. Luigi Oreste Anzaghi di Milano, autore dei più prestigiosi metodi per armonica a bocca a livello mondiale. Dopo gli studi si è ulteriormente perfezionato con ricerche approfondimenti e contatti con altri importanti esecutori dello strumento, elaborando una propria tecnica interpretativa connessa a una attività concertistica che gli ha permesso di ottenere importanti affermazioni e riconoscimenti in manifestazioni, concerti e concorsi in Italia e all’estero. È stato Direttore, arrangiatore e armonica solista del “Trio Palbert”, è Presidente dell’associazione “Amici dell’Armonica a bocca” di Trento, nel cui ambito svolge un’attività diretta a promuovere la conoscenza e la divulgazione dello strumento. Da oltre vent’anni è impegnato a livello nazionale e internazionale in una feconda attività concertistica in duo con il pianista Edoardo Bruni, esibendosi sempre più spesso e con successo in questa formazione. Si esibisce anche come solista di armonica diatonica tradizionale e in duo con l’arpista Silvia Cagol.

Edoardo Bruni
Dopo gli studi classici si è diplomato in Pianoforte presso i Conservatori di Trento e Rotterdam e in composizione presso il Conservatorio di Trento. Si è laureato in Filosofia presso l’Università di Padova e ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Musicologia presso le Università di Trento e di Paris 4 – Sorbonne. Svolge da decenni attività concertistica in Italia ed Europa, come pianista e come compositore, viene spesso invitato come membro di giuria in concorsi di pianoforte e di composizione, nazionali e internazionali. Attualmente è Docente titolare della cattedra di Lettura della partitura presso il Conservatorio di Vicenza. È fondatore e presidente dell’Associazione Ars Modi, per la quale cura la direzione artistica di numerosi Festival musicali in Trentino – Alto Adige. Come compositore, ha definito una propria visione estetica, descritta nel Manifesto dell’Estetica della Catarsi e ha formalizzato una nuova e personale tecnica compositiva, la Pan-Modalità, che intende sintetizzare e superare la dualità tra tonalità e atonalità. Basandosi sull’estetica della catarsi e sulla tecnica della pan-modalità, sta ora realizzando il progetto compositivo Ars Modi – L’Arte del Modo. Ha pubblicato quattro CD.

 

0Shares